Esami Fotografici

Permettono di visualizzare il percorso (iniziale, intermedio, finale) di un trattamento ortodontico e di valutare così i risultati ottenuti sulla base di dati oggettivi. Le foto eseguite per documentare un caso ortodontico sono quindi le EXTRAORALI di faccia e di profilo sorridendo e non e le ENDORALI (laterale destra e sinistra, centrale), occlusali latero laterale della regione frontale. Queste possono essere anche utilizzate rendendole anonime per pubblicazioni scientifiche, partecipazioni a congressi e corsi.

Impronte delle Arcate Dentarie

Permette la loro registrazione tridimensionale da cui si ottengono i modelli in gesso che danno numerose indicazioni diagnostiche (dimensioni individuali e totali, rapporti reciproci interdentali e correlazioni tra essi e le dimensioni dei processi alveolari).

La presa dell’impronta nei bambini necessita di particolari precauzioni quali rassicurare il piccolo paziente che non avvertirà dolore, mettere il paziente con la testa in avanti e in basso distraendolo con alcune manovre e non permettendogli in nessun modo di togliere il portaimpronte dalla bocca per il pericolo di ingestione di materiale prima della fase di indurimento.

Dopo un’attenta analisi dell’impronta, verificata la presenza di tutti i criteri sopra citati, si effettua il rilevamento del morso in cera a bocca chiusa. I modelli di studio in seguito realizzati indicano il generale livello di qualità dell’ortodonzia in un dato studio per cui devono essere piacevoli artisticamente e curati nell’anatomia al fine di poter eseguire un’attenta diagnosi e pianificazione del trattamento per il paziente ortodontico.

Hai domande? Chiamaci!

051 042 2009